Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
OpenLab

Biodiversità

 

frutti tropicali

 

 

Dal fiore al frutto-viaggio attraverso i colori, odori e sapori

Laboratorio

 

Descrizione attività: 1 - Cos'è un frutto, origine e sviluppo; 2 - la stagionalità dei frutti, presentazione dei frutti di stagione e confronto con alcuni esempi di frutti importati; 3 - Caratterizzazione dei frutti: visiva, olfattiva e gustativa (prove di assaggio) e verifica con strumenti di laboratorio; 4 - Destinazione dei frutti.

Svolgimento attività: è previsto un incontro di due ore, nel periodo novembre-maggio, nei laboratori/Aule del Campus Scientifico e Tecnologico di Sesto Fiorentino, o in classe presso la scuola.

Nota per gli insegnanti: è richiesta la collaborazione dell'insegnante con gli operatori del percorso.

Costo per classe: euro 160

 

 

Fette di colori in bottiglia

Laboratorio

(fino alla terza classe)

 

Descrizione attività: I bambini saranno educati alla conoscenza dei colori primari e secondari. La lezione li stimolerà per mezzo di attività pratiche che svolgeranno singolarmente come la separazione dei colori da caramelle, la formazione di un arcobaleno con bicchieri pieno di soluzione colorata e la preparazione di bottiglie di vetro dove i piccoli alunni formeranno strati di colore. Le bottiglie verranno sigillate e conservate dai bambini.

Svolgimento attività: è previsto un incontro di due ore, nel periodo novembre-maggio nei laboratori/Aule del Campus Scientifico e Tecnologico di Sesto Fiorentino, o in classe presso la Scuola.

Costo per classe: euro 168

 

 

Frutti tropicali: impariamo a conoscerli.

Visita guidata ad un orto con specie tropicali

Laboratorio

Durata: 3 ore e 30 minuti

 

Descrizione attività: Il progetto si propone di promuovere la conoscenza ed il consumo della frutta tropicale. La proposta si articolerà per mezzo di una visita presso l’orto botanico dell’ Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo (ex-IAO) di Firenze, accompagnati da un esperto del settore per osservare dal vivo le specie tropicali; successivamente, in loco, i ragazzi saranno invitati a svolgere attività di laboratorio per mezzo di assaggio della frutta ed analisi dei principali caratteri morfologici (acidità titolabile e dolcezza) per mezzo di strumenti base di laboratorio (colorimetro, rifrattometro, pHmetro).

Svolgimento attività: L'attività si svolge esclusivamente presso l'Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (Via A. Baldesi 14 – 50131 Firenze).

Costo per classe: euro 95

 

 

Frutti tropicali: impariamo a conoscerli. Assaggio guidato

Laboratorio

Durata: 2 ore e 30 minuti

 

Descrizione attività: L’attività intende fornire una conoscenza approfondita sulla frutta tropicale (mango, papaya, noce di cocco, pomelo,…): come si coltiva, come si raccoglie e come si conserva. Verrà posta attenzione sulle caratteristiche morfologiche, chimiche ed organolettiche del frutto e gli utenti saranno invitati ad analizzare i frutti portati in classe, prima con un assaggio guidato e successivamente con strumenti base di laboratorio per la determinazione delle caratteristiche salienti del frutto.

Svolgimento attività: è previsto un incontro di due ore, nel periodo novembre-maggio, nei laboratori/Aule del Campus Scientifico e Tecnologico di Sesto Fiorentino, o in classe presso la Scuola.

Costo per classe: euro 165

 

 

Le “mani in pasta”... di pane!

Laboratorio


Descrizione attività: L'attività si articola in due parti, una teorica ed una pratica. La parte teorica prevede la descrizione di come si arrivi a sfornare una pagnotta e la parte pratica consiste nell'impasto di una piccola forma di pane, che può essere modellata a piacere e messa poi in forno a casa propria da ogni bambino per motivi pratici e di sicurezza.


Verrà illustrato:
1) cos'è la farina;
2) i tipi di farina (mais, grano, multi cereali);
3) il grado di abburattamento della farina (integrale, 0, 00);
4) la formazione del glutine e l'intolleranza alla farina (celiachia);
5) gli elementi (acqua, sale, zucchero, olio extra vergine, lievito e farina) e le reazioni che intervengono durante la lievitazione;
6) i tipi di pane che si possono produrre (con semi di papavero, girasole, sesamo etc..) e infine verrà raccontata la storia del pane e la sua importanza nella dieta mediterranea.

Nota per gli insegnanti: per un impiego efficiente del tempo a disposizione, la lezione inizierà prima con la parte pratica e, in attesa della lievitazione, si passerà alla parte teorica. E' richiesta la collaborazione dell'insegnante con gli operatori del percorso.

Svolgimento attività: è previsto un incontro di due ore, nel periodo novembre-maggio, in classe presso la Scuola.

Costo per classe: euro 173

 

 

L'orto ambulante - ciclo biologico e fenologico degli ortaggi e della frutta: il ciclo della vita

Laboratorio

 

Descrizione attività: L'attività si propone di costruire e realizzare un mini orto portatile con le comuni piante alimentari. Il laboratorio mira a stimolare l'osservazione delle piantine in tutte le fasi colturali, dalla semina fino alla morte (completo ciclo vitale). La cura e la gestione di un piccolo orto "personale" stimola la responsabilità e la pazienza dei bambini e li avvicina al mondo contadino.

Svolgimento attività: è previsto un incontro di due ore, nel periodo novembre-maggio, in classe presso la Scuola.

Nota per gli insegnanti: è richiesta la collaborazione dell'insegnante con gli operatori del percorso.

Nota: numero massimo di attività accettate: n. 25 richieste.

Costo per classe: euro 160

 

 

Osserviamo e impariamo da Madre Natura     

Laboratorio


Descrizione attività: La natura è vista come “banca” naturale di biodiversità ed è stata sempre utilizzata dall’uomo come modello da imitare. In questo laboratorio interattivo si tratterà della biomimetica, disciplina che si ispira e copia la natura per realizzare soluzioni alternative rivolte al miglioramento di attività e tecnologie umane. Due degli esempi più famosi sono le superfici idrofobiche ed autopulenti ispirate alle foglie di loto, ed il velcro, un sistema di chiusura a strappo che imita la capacità dei semi di rimanere impigliati al pelo degli animali. Nel corso dell’evoluzione, le piante hanno sviluppato differenti capacità e messo in atto strategie efficienti per sopravvivere negli ambienti più ostili. La scienza inoltre si ispira alle piante per la realizzazione di nuovi materiali per ottimizzare l’utilizzo di fonti di energia (es. vento, acqua, umidità, etc.).

 

Svolgimento attività: L’attività consiste di una parte teorica introduttiva effettuata con una presentazione ppt per la visione delle piante in azione grazie a numerosi video realizzati con la tecnica del time-lapse (fotografie in sequenza opportunamente montate e accelerate). Inoltre, è previsto un laboratorio interattivo durante il quale si potrà interagire e testare, per esempio, alcune particolari forme di dispersione dei semi ed osservare dal vivo le strategie evolutive sviluppate dalle piante per sfruttare a loro vantaggio l’ambiente circostante. Alcuni esempi di biomimetica mostrati durante l’attività, sono: la dispersione dei semi di tarassaco (comunemente chiamato soffione); semi auto-penetranti nel terreno con meccanismi di avvitamento guidati dai cambiamenti di umidità (es. semi di Erodium Cicutarium); semi muniti di particolari spine, setole o uncini, utilizzati per aderire al pelo degli animali e agli indumenti.

Periodo di svolgimento: È previsto un incontro di due ore, nel periodo novembre-maggio, nelle Aule del Campus Scientifico e Tecnologico di Sesto Fiorentino, o in classe presso la Scuola.

Costo per classe: euro 150

 

 

Un viaggio alla scoperta dell'invisibile linguaggio delle piante

Laboratorio

 

Descrizione attività: Le piante non possiedono occhi per vedere ed orecchie per ascoltare, ma come gli organismi animali sono in grado di intercettare la luce, di essere sensibili agli odori, di alimentarsi, di percepire il tocco e di ricavare informazioni dall’ambiente circostante. Oltre a ciò, le piante comunicano  attraverso specifici messaggi chimici non solo tra di loro ma anche con altri organismi sensibili a tali segnali (insetti, funghi, batteri).

L’attività proposta fornirà agli studenti la consapevolezza che le piante sono capaci di percepire le variazioni dell’ambiente circostante mettendo a confronto i cinque sensi utilizzati dagli organismi animali con quelli utilizzati invece dalle piante. Inoltre, saranno prese in esame altre capacità sensoriali che permettono alle piante di percepire i cambiamenti dell’ambiente esterno, come ad esempio la gravità ed umidità.

 

Svolgimento attività: L’attività consiste in una parte teorica introduttiva durante la quale saranno illustrate le funzioni e la natura dei segnali utilizzati nel mondo vegetale. L’attività pratica prevede l’installazione in classe di una macchina fotografica per la realizzazione di un video con la tecnica del time-lapse (fotografie in sequenza opportunamente montate e accelerate) per dimostrare la capacità delle piante di muoversi con movimenti così lenti da essere impercettibili all’occhio umano. Saranno inoltre allestiti ulteriori esperimenti volti a dimostrare la capacità delle piante di respirare, di crescere in direzione della luce (fototropismo) e di muoversi rapidamente (pianta carnivora: Dionea muscipula; pianta sensitiva Mimosa pudica).

Si prega di dare un preavviso di massimo due settimane per la preparazione delle materiale vegetale da utilizzare durante l’attività.

Periodo di svolgimento attività: È previsto un incontro di due ore, nel periodo novembre-maggio, nelle Aule del Campus Scientifico e Tecnologico di Sesto Fiorentino, o in classe presso la Scuola.

Costo per classe: euro 150

 


 
ultimo aggiornamento: 27-Giu-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina